Home / Molise / Molise Food, successi e nuovi punti vendita: Siviglia e Basilea le nuove mete per i prodotti molisani
banner-residenza-samnium

Molise Food, successi e nuovi punti vendita: Siviglia e Basilea le nuove mete per i prodotti molisani

Da poco più di un mese grazie alla tenacia, all’impegno e alla professionalità di un gruppo di persone un’idea è diventata un progetto, ed il progetto è diventato realtà. Lo scorso 19 novembre, grazie all’intuizione imprenditoriale messa in campo dalla Fondazione Quid Novi, è nato a Roma il primo punto vendita con il marchio Molise Food.

Il piano di branding sul Molise e sul food molisano è appena partito ma i risultati non tardano ad arrivare: profilazione dei corregionali, e/o di origine seria e puntuale; awareness sulle eccellenze molisane; creazione di interesse per il turismo esperienziale; promozione del territorio. Il leitmotiv del progetto è presto diventato microeconomia condivisa. Due parole che stanno a significare da un lato l’attenzione per i piccoli produttori di nicchia e d’eccellenza, e dall’altro la condivisione. Molise Food ha due punti di forza principali: la qualità indiscussa dei prodotti e la replicabilità, nazionale, internazionale o semplicemente di modello di business.Tutto realizzato  senza finanziamenti pubblici e nessun supporto logistico, tecnico, burocratico, politico alle attività in corso da parte delle istituzioni molisane.

I molisani della capitale, oltre 70mila, finalmente possono trovare in città i prodotti della loro terra ma  non solo. Infatti il punto vendita di via Alessandria 34 (zona Porta Pia) non è solo un riferimento culinario sempre più presente nella quotidianità romana ma anche un punto di incontro per i tanti corregionali di seconda e terza generazione che, grazie a Molise Food, hanno la possibilità di conoscersi.  A dimostrazione che il modello di business, messo in campo dalla Fondazione Quid Novi, è tanto semplice quanto efficace: punti espositivi fissi dove unire la vendita di prodotti di alta qualità e alla degustazione all’incontro, alla conoscenza.

Un modello imprenditoriale veloce, capace e innovativo che ha soppiantato i vecchi metodi di fare business e associazionismo che, a partire dagli anni ‘70 del secolo scorso, hanno consentito al molisano di stanza a Roma di sentirsi più vicino a casa ma che, ora, complice il tempo che passa e il nuovo modo di comunicare stanno scomparendo lasciando spazio alla velocità e all’immediatezza tecnologica. Le pagine social della Fondazione Quid Novi e di Molise Food sono state raggiunte e visitate da oltre 3300 nuovi follower giornalieri che si sono trasformati in “turisti del cibo” all’interno del punto vendita di via Alessandria 34.

Adesioni, visite e commercializzazione che hanno consentito ai molisani di vedere l’iniziativa come un momento di riscatto e di orgoglio, e per i produttori un mercato vero in cui è stato utile investire. Come sottolinea il Direttore Generale di Molise Food Francesco Caterina: “Il modus operandi obsoleto e approssimativo, nel trattare i dati di quasi tutte le associazioni in essere, ha portato ad una perdita di nuove generazioni che sono sì interessate alla terra dei propri avi, ma non riescono a comunicare ed interfacciarsi con alcuna associazione che sino ad ora ha operato sul territorio capitolino. Associazioni che non sono in grado di intercettare e gestire il nuovo modo di comunicare e, di conseguenza, associare e coinvolgere”.

Dopo Roma Molise Food è pronto a sbarcare con un nuovo punto espositivo a Siviglia, in Spagna, in preparazione già da diverse settimane. Mentre è nella fase di sviluppo del punto di Basilea. L’obiettivo per il 2020 è quello di concludere l’attivazione di almeno 4 punti in Europa e nel prossimo biennio di attraversare l’oceano, fermo restando il ponte verso oriente che sta già portando risultati concreti. Inoltre Fondazione Quid Novi è in trattativa, per replicare il modello imprenditoriale utilizzato per Molise Food, con le regioni Abruzzo e Puglia Regioni con le quali, a differenza di quanto accaduto con il Molise, ci sarà una partnership. Una collaborazione che vedrà la piena partecipazione anche dell’ente pubblico.

villa_fata_castropignano

About Redazione

Redazione
redazione@notiziemolise.it

Potrebbe interessarti anche:

La Tintilia eroica del Molise sul gradino più alto del Challenge International du Vin insieme ai grandi vini francesi

Alla 45esima edizione del Concorso Enologico Internazionale “Challenge International du Vin” che si è tenuto …

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: