Home / Temi / Lavoro / Vertenza Gam, i sindacati chiedono un incontro con il Ministro Di Maio
Pubblicità-NotizieMolise

Vertenza Gam, i sindacati chiedono un incontro con il Ministro Di Maio

In data odierna, i rappresentanti delle sigle sindacali Fai-Cisl, Flai-Cgil e Uila-Uil, rispettivamente Raffaele De Simone, Florinda Di Giacomo e Raffaele Primiani, con una lettera indirizzata al Ministro del Lavoro, Luigi Di Maio, alla delegazione dei Parlamentari del Molise, al Presidente della Regione Molise, Donato Toma e all’Assessore al Lavoro, Luigi Mazzuto, hanno richiesto un incontro per discutere e trovare una soluzione circa la crisi aziendale della GAM.

Di seguito il testo completo della missiva.

In Molise stiamo vivendo una situazione drammatica sul piano occupazionale come mai vissuta in precedenza. Il Molise è tra le regione del Mezzogiorno quella che soffre di più, è connotata da un forte calo demografico, da un alto tasso di emigrazione che ogni anno svuoto il territorio di 2000 persone e ha un tasso di disoccupazione tra i più elevati d’ Italia. Nell’industria alimentare, settore che noi seguiamo, abbiamo vissuto la chiusura di molti stabilimenti, aziende che davano posti di lavoro e creavano ricchezza per il territorio. Sebbene in Molise insista un’area di crisi industriale complessa tra Campobasso – Bojano – Isernia – Venafro, decretata nell’agosto del 2015, non si sono riscontrati effetti benefici poiché sono poche le risorse messe a disposizione dal provvedimento e poche le manifestazioni di interesse per rilanciare il territorio, creare posti di lavoro e sostenere il reddito dei tanti lavoratori espulsi dai processi produttivi.

GamNell’area di crisi complessa e nello specifico nel comune di Bojano, vi è l’azienda GAM Srl in concordato, un’azienda del settore avicolo, che negli anni passati fino al 2010 dava lavoro a più di 1000 persone tra operai e indotto. La vertenza dell’azienda GAM è monitorata dal Ministero dello Sviluppo Economico dove è aperto un tavolo di unità di crisi. Ed è in quella sede ministeriale che nel febbraio 2017, si sono sottoscritti due accordi: il primo con Agricola Vicentina – Gruppo Amadori – che si è aggiudicata il bando di vendita dell’incubatoio e del macello e sta procedendo alla ristrutturazione dell’azienda e il secondo accordo firmato con la Regione Molise per avviare politiche di formazione, ricollocazione e sostegno al reddito per i 262 lavoratori. Il processo di rilancio di questa azienda vetusta, obsoleta e compromessa fortemente dalla crisi è un processo lungo che dura anni. A gennaio 2018, ci saranno le prime assunzioni presso l’incubatorio, ma sono numeri assai esigui, la parte più consistente dei 262 lavoratori dovrà essere avviata al lavoro, man mano che si procederà alla ristrutturazione del macello.

In questi anni, il reddito dei lavoratori è stato garantito dalla CIGS per le aziende che si trovano in aree di crisi complesse, infatti la legge ha permesso attraverso le assegnazioni finanziarie fatte a valere per il 2016 e il 2017, la possibilità di prorogare la cassa integrazione con relativa copertura finanziaria. Sappiamo che non vi sono motivi ostativi per la proroga di ulteriori 12 mesi purché vi sia la necessaria copertura economica, è dunque necessario rifinanziare la CIGS per le aziende che si trovano in aree di crisi complessa. Se così non fosse, per i 262 lavoratori non vi sarebbero ulteriori strumenti di sostegno al reddito ed essendo scorredati di NASPI, alla scadenza della cassa che termina il 04/11/2018, i lavoratori e le loro famiglie finirebbero in mezzo a una strada senza alcuna tutela. Questo dramma va scongiurato, vi è dunque la somma urgenza di rifinanziare lo strumento di CIGS, per permettere l’allineamento dei tempi di rilancio delle attività produttive con l’inserimento via via dei lavoratori e uno strumento adeguato di sostegno al reddito dei lavoratori. Non possiamo permettere che i lavoratori della GAM e i tanti lavoratori che hanno perso il posto di lavoro siano abbandonati a se stessi. E’ necessario un impegno da parte vostra che porti avanti la “Vertenza Molise” al fine di trovare soluzioni idonee ai problemi relativi all’assenza di investimenti, alla mancanza di lavoro, all’inadeguatezza delle politiche attive e all’insufficienza di politiche passive. In ragione di quanto sopra esposto con la presente siamo a chiedervi un incontro al fine di trovare ogni possibile soluzione.

Il Molise sta lentamente morendo e non va lasciato solo, spetta a voi che rappresentate questa regione profondere tutto il vostro impegno per invertire la tendenza di questo processo al declino che non deve diventare ineluttabile.

rubriche

About Redazione

Redazione
redazione@notiziemolise.it

Potrebbe interessarti anche:

Ventimila euro in contanti nascosti nelle parti intime, anziana 78enne denunciata per riciclaggio

Nell’ambito di un’ulteriore attività finalizzata alla prevenzione e al contrasto dello spaccio di sostanze stupefacenti …

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: