Home / Comunicati / San Pietro Avellana, l’opposizione accusa: “Il sindaco enfatizza la riqualificazione delle strutture sportive, ma non è oro quello che luccica!”
Pubblicità-NotizieMolise

San Pietro Avellana, l’opposizione accusa: “Il sindaco enfatizza la riqualificazione delle strutture sportive, ma non è oro quello che luccica!”

Riceviamo e pubblichiamo dai Consiglieri comunali di Opposizione “Gruppo di Rinnovamento”.

Quale gruppo di Opposizione consiliare al comune di San Pietro Avellana, stigmatizziamo le esternazioni del sindaco Lombardi riguardanti la riqualificazione delle strutture sportive e la presunta fine dei lavori restituite alla collettività, come pubblicate su un periodico qualche giorno fa.

Il sindaco affermava: « Terminati i lavori di ristrutturazione al campo di bocce ed al campo di calcetto che versavano in uno stato di abbandono. Le due strutture sportive sono state realizzate grazie ad un finanziamento regionale di 64mila euro. I lavori nel campo di bocce hanno riguardato la pavimentazione e la recinzione; sono stati acquistati anche nuovi arredi e sistemato l’impianto elettrico. Nel campo di calcetto, rimasto incompleto, è stato sistemato il manto sintetico, sono stati ristrutturati gli spogliatoi, che necessitavano di interventi di riqualificazione ed è stata acquistata una tribuna da 74 posti. Un’azione che ci ha permesso di ampliare il panorama dell’offerta sportiva del comune di San Pietro Avellana, per residenti e turisti, andando a completare l’offerta dell’impiantistica sportiva comunale, già dotata di un campo di calcio, uno di pallavolo e la tensostruttura polivalente. Possiamo dirci soddisfatti del lavoro fatto…etc. etc.».

Precisiamo: «I lavori realizzati posti in evidenza nell’articolo, celano risvolti tutt’altro che brillanti dell’attuale amministrazione comunale. Il primo cittadino si preoccupasse dell’utilizzo delle strutture sportive e della loro fruizione, senza lasciarle in abbandono come oramai è prassi consolidata. In vero, il campetto da calcetto, da pallavolo e da tennis coperto dalla tensostruttura, nel periodo invernale non può essere utilizzato, in quanto il riscaldamento non funziona, e quando funziona si blocca in quanto, l’impianto termico è sottodimensionato rispetto alla volumetria coperta. Chi lo frequenta, come i ragazzi della pallavolo, sono costretti ad allenarsi con temperature polari. E’ notorio che qui da noi nove mesi su dodici è freddo e senza un adeguato riscaldamento non è possibile allenarsi, o svolgere qualsiasi tipo di attività. Cosa fa l’attuale esecutivo? Nulla. Il campo di calcetto in località “Valle”, dove secondo il sindaco sono stati completati i lavori , manca  di tribuna da 74 posti da lui descritta, quindi tali lavori sono incompleti.  L’Amministrazione è stata così attenta allo sport che ha decretato la fine della squadra di calcio del paese, che giocava in I^ categoria.  E’ ora che la cittadinanza ed i nostri compaesani che risiedono fuori paese sappiano che le strutture sportive vengono prima create con finanziamenti regionali e poi non curate. Bello far vedere i lavori completati del campo di bocce, ma vedremo come questo poi verrà utilizzato e mantenuto. Le foto allegate, dimostrano come vengono mantenute e curate, come dimostrano anche la bella tribuna “ invisibile” di 74 posti per il campetto. Infatti, secondo LORO funziona così: prima si afferma che i lavori sono terminati e poi vengono aggiunti nuovi elementi come la stessa tribuna. Prima che venisse costruito il campetto in località “Valle”, vi era un comodo spazio dove poter parcheggiare le auto di coloro che andavano a vedere la propria squadra del cuore, invece adesso bisogna parcheggiare sopra la strada o addirittura nella zona tratturale adiacente il campo sportivo grande, ma giustamente questo problema l’amministrazione non se lo è posto perché la squadra ora non c’è più, quindi un pensiero in meno. Prossimamente, possibilmente tra circa 1 mesetto, si provvederà ad organizzare una bellissima cerimonia di inaugurazione ufficiale dei due impianti sportivi e perché no, invitare anche qualche “personaggio politico” giusto per rimanere in tema della paventata candidatura alle prossime regionali del nostro primo cittadino.

Vogliamo sottolineare anche che la sala della biblioteca comunale che si trova nell’edificio della scuola materna e della scuola elementare dove quest’ estate sono stati eseguiti lavori di ristrutturazione interna, alla data odierna non può essere utilizzata perché “ovviamente” i radiatori non funzionano. Nella sala descritta dal mese di gennaio vi doveva essere svolto servizio di “intrattenimento culturale” con i bambini del paese ma non si può perché, non è funzionante. I ragazzi sono stati alloggiati provvisoriamente in un altro ambiente certo non adatto per svolgere tale attività.

Non finisce qui, anche tutto l’edificio scolastico, circa un anno fa ha avuto finanziamenti regionali per opere esterne tra cui l’installazione di fotovoltaico sul tetto, ma quest’opera (fotovoltaico) appaltata non è stata mai portata a termine.

Sappiano i cittadini come realmente stanno le cose: non è oro quello che il sindaco vorrebbe che luccicasse. La mistificazione della realtà non aiuta a progredire, ma ad indebolire ulteriormente un tessuto sociale rappresentato da molti anziani, dove i pochi giovani rimasti non trovano, per l’incuria amministrativa, nemmeno i loro spazi essenziali per svolgere attività sane come lo sport».

pubblicità notiziemolise

About Redazione

Redazione
redazione@notiziemolise.it

Potrebbe interessarti anche:

Affari Comunitari, primo via libera alla proposta di Primiani per l’istituzione di una Commissione Speciale

La Prima Commissione in Consiglio regionale ha licenziato, con parere favorevole e all’unanimità, la proposta …

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: