Home / Italia / Non piegate il capo!
pharmadriatica-sas

Non piegate il capo!

Ma è mai possibile che la Puglia, a distanza di 156 anni (nonostante Pino Aprile), ancora non ha capito che siamo finiti tutti all’ammasso?

Dall’Unità d’Italia le opere pubbliche che sono state pensate per risollevare il Sud spogliato di tutto, sono state realizzate solamente per un 28%, il rimanente 72% è stato lasciato sulla carta, nel momento in cui i nostri governanti nazionali hanno compreso che i costi per il Nord, che amministrava i soldi sottratti al Sud, erano troppo alti e i benefici che ne traevano le aziende del settentrione non valevano la candela.

A ciò si aggiunga che con i tempi che corrono, il sistema è impostato tutto al profitto non certamente al servizio della Comunità (si fanno i lavori non per il cittadino, ma per le imprese), capita di vedere che RFI (l’azienda ferroviaria nazionale) pur di non sopportare ulteriori spese, che sarebbero state naturali e indispensabili in ogni altra regione, ritiene di poter violentare senza ritegno quei pochi kilometri di costa che ha il Molise, con la realizzazione del doppio binario delimitato da una barriera antirumore (forse anche in funzione antimigranti!!), al posto di opere meno impattanti per il territorio e per la popolazione residente.

Il risparmio che deriverebbe dalla realizzazione del nuovo muro est/ovest, è il nucleo del problema che è stato spalmato sulle due regioni interessate che vede la Puglia in conflitto dialettico sulla stampa nazionale, con argomentazioni di una giustizia assolutamente ridicola e che rimanda la mente a qualche mese addietro quando i cittadini pugliesi ergevano barriere per difendere alcuni alberi di ulivo destinati ad essere sradicati per il passaggio di un metanodotto, anche quest’ultimo al pari dell’alta velocità, di interesse nazionale. Eppure gli ulivi sacrificati non venivano rinchiusi con una barriera di cemento, come avverrebbe con la costa molisana, ma sarebbero sati ripiantati in siti indicati dalla stessa regione.

Il Molise sempre ultimo nelle concessioni nazionali, non merita di perdere anche una delle poche risorse rimaste per la sua sopravvivenza, quindi è d’obbligo un consiglio ai nostri governanti regionali: questa volta non piegate il capo.

villa_fata_castropignano

About Simone Primiani

Simone Primiani

Potrebbe interessarti anche:

Auto in fiamme nella galleria Nunziata Lunga, paura per il conducente che si mette in salvo (FOTO)

Alle ore 19:30 circa, una autovettura – mentre transitava la strada Statale SS6 DIR, all’interno della galleria …

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: