Home / Molise / Area Matesina / Il Comitato Pro-Trignina di nuovo all’attacco dell’autovelox di Vinchiaturo
pharmadriatica-sas

Il Comitato Pro-Trignina di nuovo all’attacco dell’autovelox di Vinchiaturo

autovelox-vinchiaturo-s.s.87Il Presidente del Comitato Pro-Trignina, Antonio Turdò, quest’oggi è tornato all’attacco del Comune di Vinchiaturo a causa della nuova postazione dell’autovelox, sulla S.S. 87 denominata Sannitica, che dice essere “nella più completa illegalità, in quanto la postazione non rispetta la triade richiesta ed invocata dalla Direttiva Maroni (regolamentazione sul corretto utilizzo dei rilevatori di velocità, ndr), e cioè che devono essere visibili sia l’autovelox, sia il vigile che la macchina di servizio; invece – continua Turdò – come riscontrato, il vigile si imbosca dentro la macchina anch’essa imboscata.”

Un nuovo attacco, dunque, all’Amministrazione comunale di Vinchiaturo, in persona del Sindaco Luigi Valente, sul quale Turdò si sofferma a raccontarne i precedenti: << In seguito ad una conferenza stampa nella quale denunciammo l’irregolarità dell’autovelox, palese ed evidente a tutti, il Sindaco mi querelò per oltraggio, ma la sentenza del G.I.P. riconobbe ed accolse la tesi della difesa, ritenendo che le dichiarazioni del Turdò non andavano a sconfinare nel gratuito attacco alla persona del Sindaco, risolvendosi, bensì, in una mirata e specifica critica su quello che, ad opinione dell’indagato, costituisce un abuso nella gestione della piccola comunità: l’attivazione del sistema di rilevazione elettronico della velocità in una zona stradale che tenderebbe a “cogliere di sorpresa” il guidatore. Le numerose condotte dell’indagato Turdò Antonio, vanno, pertanto, inquadrate nell’ambito dell’esercizio del diritto di critica di cui agli artt. 21 Costituzione e 51 c.p. >>

Antonio Turdò VinchiaturoAntonio Turdò, che ha documentato questa mattina il posizionamento dell’autovelox con delle foto che ha provveduto ad inviare alla Prefettura di Campobasso, ha inoltre ricordato e invitato gli automobilisti a rivolgersi all’associazione per effettuare eventuali ricorsi al Giudice di Pace, sottolineando la statistica positiva dell’accoglimento degli stessi fino ad oggi.

villa_fata_castropignano

About Redazione

Redazione
redazione@notiziemolise.it

Potrebbe interessarti anche:

Presunto ordigno bellico della seconda guerra mondiale in un terreno agricolo a Campomarino

Presunto ordigno bellico della seconda guerra mondiale in un terreno agricolo a Campomarino, in contrada Cianaluca. …

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: