Home / Rubriche / La parola dell'esperto / Multa illegittima se l’operatore di polizia locale è in borghese?
Pubblicità-NotizieMolise

Multa illegittima se l’operatore di polizia locale è in borghese?

Un agente di polizia locale può contestare un’infrazione, allorquando in borghese, esibendo il tesserino di riconoscimento?

La querelle, anche in presenza di costante giurisprudenza che non ritiene possibile l’intervento sanzionatorio, vede ancora opposti coloro che legittimano l’intervento, richiamando l’art. 12, comma quinto del codice stradale, che, appunto, prevede che “ i soggetti indicati nel presente articolo […] quando non siano in uniforme, per espletare i propri compiti di polizia stradale devono fare uso di apposito segnale distintivo, conforme al modello stabilito nel regolamento”

I fautori del no si muovono, invece, in linea con quanto disposto dalla Corte di Cassazione, sez. II, civile, con la pur datata sentenza 3 marzo 2008, n. 5771, che ha evidenziato la nullità del verbale di contestazione per violazione delle norme del codice della strada redatto da un agente della polizia municipale in abiti civili, fuori dal servizio.

Proviamo a fare chiarezza

Gli operatori della polizia locale, in virtù del combinato disposto degli artt. 13 della legge 689/1981 e 1 della legge 65/1986, sono competenti all’accertamento di tutte le violazioni punite con sanzioni amministrative. Alla polizia locale sono altresì attribuite, in virtù dell’art. 5 della legge 65/1986, funzioni di polizia giudiziaria. Di conseguenza gli agenti ed ufficiali di polizia locale, in conformità della regola generale stabilita dall’articolo 13 della 689/1981, in tema di accertamento delle sanzioni amministrative pecuniarie, in quanto organi di polizia giudiziaria con competenza estesa all’intero territorio comunale, hanno il potere di accertare le violazioni in materia di circolazione stradale punite con sanzioni amministrative pecuniarie in tutto tale territorio.

Inoltre occorre aggiungere che l’art. 57 codice procedura penale indica fra gli agenti e ufficiali di polizia giudiziaria «le guardie dei Comuni», con competenza «nell’ambito territoriale dell’ente di appartenenza». Ed ancora il comma terzo dell’art. 11, del codice della strada dispone che «ai servizi di polizia stradale provvede il Ministero dell’interno, salve le attribuzioni dei Comuni per quanto concerne i centri abitati. Al Ministero dell’interno compete, altresì, il coordinamento dei servizi di polizia stradale da chiunque espletati»; mentre il successivo art. 12, comma primo, demanda l’espletamento dei servizi di polizia stradale, fra gli altri, «ai corpi ed ai servizi di polizia municipale, nell’ambito del territorio di competenza», il quale, ai sensi dell’art. 4 della legge 65/1986, è costituito dall’intero territorio comunale. Oltre a ciò va osservato che gli appartenenti alla polizia locale, ex 57 codice procedura citato, hanno la qualifica di agenti di polizia giudiziaria soltanto nell’ambito territoriale dell’ente di appartenenza e limitatamente al tempo in cui sono in servizio; e ciò a differenza di altri corpi (Polizia di Stato, Carabinieri, Guardia di Finanza, ecc.), i cui appartenenti operano su tutto il territorio nazionale e sono sempre in servizio.

Tale qualifica è quindi subordinata alla limitazione spaziale che i detti agenti si trovino nell’ambito territoriale dell’ente di appartenenza ed alla condizione che siano effettivamente in servizio. Tutto ciò è confermato dall’art. 12, lett. e) del codice della strada, il quale prevede che l’espletamento dei servizi di polizia stradale previsti dal presente codice spetta ai Corpi e ai servizi di polizia municipale «nell’àmbito del territorio di competenza». Tutto ciò premesso e conclusivamente se la sanzione viene comminata da un agente della polizia locale in abiti civili e fuori dal servizio di vigilanza, egli nel momento dell’accertamento dell’infrazione contestata non riveste la qualifica di agente della polizia giudiziaria e di conseguenza pone in essere atti amministrativi illegittimi.

 

pubblicità notizie molise

About Domenico Carola

Domenico Carola
Già Comandante/Dirigente di Polizia Locale; Responsabile dell’Osservatorio del Codice della Strada de "Il Sole 24 Ore"

Potrebbe interessarti anche:

Turismo, Primiani (M5S): “Dopo un anno Piano Strategico non attuato. Mancano servizi di base e risposte agli operatori”

“Ad un anno dall’annuncio del Piano strategico del turismo, la Regione Molise ancora non passa …

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: