Home / Prima Pagina / Per la valorizzazione delle Aree Interne
Pubblicità-NotizieMolise

Per la valorizzazione delle Aree Interne

La crisi economica e sociale provocata dal Covid-19 sta mettendo a dura prova il sistema produttivo delle Aree Interne, anche perché le Regioni non hanno provveduto, in questi mesi di lockdown sociale, a potenziare la Sanità sui territori, spoliati, ingiustamente, da anni dei costituzionali presidi emergenziali. I burocrati, intanto, hanno affermato tutto ed il contrario di tutto, malgrado lo straordinario risultato conseguito dai medici e dagli operatori sanitari. Intanto, le aree appenniniche hanno frenato il corso pandemico, dimostrando, ancora una volta, che dove circola aria salubre il contagio stenta a diffondersi. Quanto innanzi giustifica l’impegno della rete associativa che sta riproponendo la riscoperta dei Borghi e degli ambienti ecosistemici, capace di fronteggiare anche la crisi finanziaria di cui soffrono i lavoratori autonomi che operano nelle aree appenniniche, crisi aggravatasi con gli ultimi provvedimenti restrittivi.

LA RIVINCITA DELLE AREE INTERNE: IL “MODELLO MOLISE”
Nel bel mezzo di una pandemia destinata a cambiare la storia, in tv e sulla stampa nazionale si è levata qualche flebile voce a descrivere il “modello Molise”. Al momento si tratta della Regione italiana con minor numero di contagiati da coronavirus, ma non è dell’aspetto sanitario che voglio parlare. Quello che colpisce è resilienza degli abitanti di un lembo di terra sconosciuto a tanti, la resistenza – diretta conseguenza di peculiari aspetti socioeconomici e ambientali – di una regione che è l’emblema di tante aree interne (quelle appenniniche del CentroSud Italia, collinari e montane del Nord), ovvero di un’Italia “che esiste e lavora nel silenzio, anche se è quella di cui si dovrebbe parlare di più”, come recita un recentissimo spot televisivo. Il naturale isolamento, la scarsa densità demografica (67,9 ab/km quadrato), la dispersione sul territorio (302 mila abitanti su 136 comuni), assieme al controllo sociale e l’osservanza delle disposizioni spiegano – nonostante un paio di focolai in case di riposo, con relativa coda di polemiche e inchieste giudiziarie – il basso numero di contagi, con 99 comuni ancora oggi virus-free. Tanto la dispersione abitativa che la scarsa industrializzazione improvvisamente diventano elementi di oggettiva forza; a pensarci bene, si tratta degli stessi elementi da sempre considerati – con i parametri dell’economia tradizionale – punti di debolezza, tali da giustificare scellerate politiche di tagli di servizi essenziali (scuole, uffici, ospedali, trasporti), resi ineluttabili dai meri criteri ragioneristici delle economie di scala. Gli studi scientifici confermeranno o smentiranno tante ipotesi, quali la correlazione tra inquinamento e diffusione del virus; o al rapporto tra agricoltura non intensiva e minore incidenza del Covid-19, evidenziato dal recente studio condotto dal laboratorio CULTLAB della Scuola di Agraria dell’Università di Firenze in collaborazione con l’Osservatorio Nazionale del Paesaggio Rurale; chissà se nel caso molisano ha un ruolo anche la ventosità, che contribuisce a disperdere il (di per sé ridotto) carico inquinante.

Rossano Pazzagli, professore presso l’Università del Molise e direttore di ArIA, Centro Ricerca per le Aree interne e gli Appennini, ripete spesso un aneddoto. Quando nei tanti piccoli borghi molisani incontra un residente gli chiede “cosa c’è da voi”? E si sente rispondere: “niente”! Non è vero: ci sono aria pulita, acqua pura, cibo di qualità, tradizioni millenarie, il senso della comunità, paesaggi modellati sapientemente dall’uomo con perizia e paziente lavoro di secoli, ma anche “beni” come la lentezza e il silenzio, che non hanno un prezzo ma un grande valore. Più di decine di convegni sulle aree interne, più di stand strapagati in prestigiose fiere del turismo, forse un minuscolo essere invisibile riuscirà a compiere il miracolo di far scoprire o riscoprire territori marginali dal punto di vista economico, ma fondamentali per la conservazione della biodiversità come le aree marginali del Paese, quelle “terre dell’osso” devastate dall’emigrazione (e incapaci di attirare strutturalmente immigrazione), ma ancora capaci di vitalità inattesa. Tale processo di scoperta potrà essere facilitato dal bonus turismo, rivolto alle famiglie che trascorrano le vacanze in Italia, di cui si parla proprio in queste ore. Un turismo lento e sostenibile, che coniughi emergenze storiche-architettoniche, riscoperta delle radici genealogiche (penso ad un’azienda capace di visione come ItalyMondo), enogastronomia, aree protette, valori naturalistici, sport “en plein air”, quali il camperismo, o il turismo equestre, e il cicloturismo sui tracciati tratturali. Tale turismo non può non incrociare il settore primario (mai termine si è rilevato più indovinato!) della agricoltura e della zootecnia, che qui, salvo eccezioni, rifuggono metodi intensivi, e antepongono la qualità alla quantità; gli agricoltori-allevatori, veri custodi del territorio, possono definirsi eredi di una lunga tradizione – che risale ai progenitori sanniti – di eco sostenibilità, portatori sani di quelli che Luciano Sammarone, direttore del Parco Nazionale Abruzzo Lazio e Molise, chiama (in luogo di insulsi termini anglosassoni) “i valori della civiltà agrosilvopastorale”. Non bisogna mitizzare e idealizzare il “borgo”; qualsiasi amministratore è consapevole delle difficoltà quotidiana a fornire servizi essenziali, ad attrarre risorse, a far restare i giovani. Ma le nuove tecnologie – da noi tutte sperimentate durante questa lunga reclusione – rendono possibile la permanenza in questi territori, si pensi alla didattica a distanza, o alla telemedicina. La messa in sicurezza del territorio, preda del dissesto idrogeologico, un ripensamento del trasporto locali, che ritari l’offerta su gomma e riattivi, ove possibile, quella su rotaia, la ristrutturazione dell’ingente patrimonio abitativo, anche sul modello dei “borghi del benessere“ per persone anziane, autosufficienti e non, che possano vivere la loro condizione di fragilità in una comunità accogliente: tutti questi interventi possono dare servizi essenziali ai cittadini, e nuova linfa all’imprese locali, anche artigianali, e consentire lo sviluppo di cooperative di comunità. Non un ritorno al passato o al piccolo mondo antico, impossibile e nemmeno desiderabile, ma un grande investimento sul futuro sostenibile da ogni punto di vista: ambientale, economico, sociale. Se vogliamo che le aree interne d’Italia non diventino lo sfasciume già descritto da Giustino Fortunato, e alla frana demografica segua quella fisica dei territori verso i fondivalle e il mare, non c’è occasione migliore di questa. Chi i servizi eco sistemici li tutela e li valorizza giorno per giorno, e per tale indubbio merito deve essere incentivato con ogni mezzo dallo Stato, potrà essere messo in condizione di renderli fruibili alla stragrande maggioranza di italiani che vive nella “polpa”, in contesti urbani dotati di maggiori servizi, comodità e opportunità.
Giorgio Arcolesse – Vice Presidente Legambiente Molise

Matese InVita SepinoDISTANTI SI, MA FINO AD UN CERTO PUNTO.
Viviamo indubbiamente una crisi profonda e complessa. Tuttavia l’Italia delle certezze finanziarie che privilegia le politiche oscure, con il pretesto del nemico virale, non può mettere a dura prova la resilienza delle popolazioni peninsulari. Anche la burocrazia non arretra di un millimetro, prevalendo, ancora una volta, sulle forze politiche. Conseguentemente, il tecnicismo, fine a se stesso, sta mortificando l’essenza della Vita. Distanti si, ma fino ad un certo punto. Rispetto a quanto innanzi, l’Italia deve ripartire con il coraggio dei giorni migliori, con l’animo fermo e convinto di chi frenò i terrorismi di destra e di sinistra, con la passione di chi pagò l’amore per le libertà civili. Il mondo scientifico, vicino alle istanze sociali, deve collaborare con la società reale sempre più bloccata, impaurita, scoraggiata. I virologi, peraltro divisi, non possono dettare l’agenda del domani, anche perché manifestano dubbi sulla complessità di una pandemia che rimane sconosciuta. Come si sa, i nemici si affrontano, non si evitano. L’Italia non può continuare a nascondersi nel chiuso delle case. Morirebbe comunque, purtroppo.
Associazione Culturale Togo Bozzi

pubblicità notizie molise

About Domenico Rotondi

Domenico Rotondi

Potrebbe interessarti anche:

Ristori ter, al Molise oltre 2.3 milioni per aiuti alimentari. Ecco le risorse Comune per Comune

Ammontano a 400 milioni di euro le risorse inserite nel decreto Ristori ter e destinate …

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: