Home / Molise / Transumanza molisana, primi passi dopo il traguardo Unesco
Pubblicità-NotizieMolise

Transumanza molisana, primi passi dopo il traguardo Unesco

Ottenuto l’importante riconoscimento tra gli elementi del Patrimonio immateriale dell’Umanità, la transumanza guarda al 2020 con entusiasmo e rinnovate aspettative. Quella molisana, in particolare, è già proiettata al primo incontro dell’anno, un confronto tra operatori pubblici e privati nel quale saranno gettate le basi per un progetto pilota da realizzare sull’itinerario più importante e più noto a livello italiano: quello dalla Puglia al Molise che ogni primavera viene percorso dalla famiglia Colantuono di Frosolone.

Questa e altre iniziative saranno presentate in una conferenza stampa organizzata venerdì 3 gennaio alle 10.30 in via Ziccardi 64, a Campobasso, nella sede dei Borghi della Salute, l’Associazione partner della transumanza, presieduta dal dottor Marco Tagliaferri, alla presenza del dottor Felice Di Donato, presidente della Pro loco di Santo Stefano, e soprattutto di Carmelina Colantuono e Nicola Di Niro (Direttore di Asvir Moligal) i molisani che hanno spinto per dare maggiore peso specifico alla candidatura della transumanza all’Unesco. Entrambi parleranno di come si è arrivati, tappa dopo tappa, alla decisione di Bogotà, e anticiperanno le prime mosse pensate per stilare subito un programma di iniziative per il recupero e la valorizzazione del percorso attraversato dalla transumanza dei Colantuono, manifesto italiano della migrazione orizzontale di bovini.

Tra gli altri incontri, sarà presentato un convegno dibattito che si terrà domenica 5 gennaio nella frazione di Santo Stefano, presso i locali dell’ex edificio scolastico, con organizzazione e interventi della Pro loco, del Comune di Campobasso, di Asvir Moligal, della Fondazione Popoli e Territori, dell’Associazione ‘Tratturando’, dei Borghi della Salute, e di Simdo.

Santo Stefano rappresenta un passaggio essenziale del viaggio dei Colantuono, all’alba dell’ultimo giorno di viaggio. La piccola comunità che vive a 7 chilometri da Campobasso si adopera per accogliere mandriani e carovana, salutarli e offrire loro la prima sostanziosa colazione di giornata. Un momento sempre emozionante e partecipato che esprime i punti di forza della transumanza molisana: l’accoglienza, la condivisione e il desiderio di rinforzare le radici del nostro territorio. Il convegno di Santo Stefano chiuderà una serie di tre incontri, i primi due si sono svolti a Santa Croce di Magliano e Torella del Sannio, altre due comunità fortemente legate al lungo viaggio dei Colantuono.

pubblicità notizie molise

About Redazione

Redazione
redazione@notiziemolise.it

Potrebbe interessarti anche:

Campobasso_municipio

Avviso per l’affidamento dei servizi legali della Sea, l’Aiga chiede l’intervento del Comune di Campobasso

La Sezione di Campobasso dell’A.I.G.A. (Associazione Italiana Giovani Avvocati) prende atto dell’avviso pubblico sull’indagine di …

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: