Home / Rubriche / Eventi / A Bonefro la mostra fotografica Buskers, i musicisti di strada ritratti da Joe Oppedisano
Pubblicità-NotizieMolise

A Bonefro la mostra fotografica Buskers, i musicisti di strada ritratti da Joe Oppedisano

Inaugura il 4 agosto 2019, alle 18.00, la mostra fotografica “Buskers 25 anni di arte in strada” del fotografo italo-americano Joe Oppedisano, La mostra, che rientra nell’ambito del festival musicale Bonefro Rock finanziato dalla Regione Molise nell’ambito dell’avviso pubblico “Turismo è Cultura” 2019 e promosso dall’assessorato regionale al turismo e alla cultura, sarà visitabile fino al 1 settembre 2019 nell’auditorium ex convento Santa Maria delle Grazie di Bonefro.

Da 25 anni Joe Oppedisano ritrae i musicisti di strada del Ferrara Buskers Festival® trasformando arti ed emozioni in fotografie d’autore. Un omaggio al festival di cui il fotografo, appassionato di musica, non perde neanche un’edizione.

Joe Oppedisano è nato in Calabria, all’età di 8 anni si è trasferito nella metropoli di New York dove è nata la sua passione per la fotografia e per l’arte musicale. L’interesse per i buskers è nato nel 1990 quando il fotografo, nell’ambito di un progetto per Polaroid, ha costruito uno studio all’aperto a Milano, in cui ha ritratto il Carnevale Ambrosiano. Poi, in occasione di una mostra a Palazzo delle Esposizioni di Roma, l’anno successivo, ha reclutato diversi gruppi e singoli musicisti di strada, per fotografarli con la grande Polaroid 50 x 60. Tale iniziativa è stata poi portata a Ferrara, nel più importante festival della musica di strada, nel 1994, dopo aver conosciuto l’Ideatore del Ferrara Buskers Festival® Stefano Bottoni. Sperimentatore del mezzo fotografico, Joe Oppedisano ha scelto per la sua buskers exibitiondi ritrarre i musicisti non in strada ma in studio. Una scelta che può sembrare contraddittoria essendo i buskers per elezione artisti che si esibiscono all’aperto, in un continuo scambio e coinvolgimento con spettatori e passanti, ma dovuta alla ricerca della partecipazione del soggetto nell’azione del ritratto. «Prendendo i buskers fuori dal contesto abituale della strada – ha detto il fotografo – e posizionandoli nella dimensione concentrata e separata dello studio, vivo con loro in uno spazio privato e intimo all’interno di un’atmosfera particolare, per trovare un modo che rivelerà qualcosa di speciale mentre suonano per me». La mostra sarà correlata da un libro che raccoglie alcune immagini scattate durante il festival in 25 anni. L’inaugurazione sarà preceduta da un talk tra l’autore e il photo editor e docente di fotografia Maurizio Garofalo e avrà come tema il ritratto in tutte le sue forme.

“Un ritratto non è una somiglianza. Nel momento in cui un’emozione o un fatto è trasformato in una fotografia, esso non è più un fatto ma un’opinione.” Joe Oppedisano

pubblicità notizie molise

About Redazione

Redazione
redazione@notiziemolise.it

Potrebbe interessarti anche:

Prende il volo la Rete di Ricerca Clinica Neuromed

A Pozzilli un meeting per fare il punto della situazione e pianificare gli sviluppi futuri …

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: