Home / Sport / Calcio / Calcio/Prima Categoria: La Kalena cala il poker sul campo del Difesa Grande (FOTO)
Pubblicità-NotizieMolise

Calcio/Prima Categoria: La Kalena cala il poker sul campo del Difesa Grande (FOTO)

È terminata con il risultato di 0 a 4, la diciottesima partita del Campionato regionale di Prima categoria, girone C, tra il Difesa Grande di Termoli e la Polisportiva Kalena 1924 disputata ieri, domenica 24 marzo, a Termoli.

Partita a senso unico sul campo di Termoli con gli ospiti che calano il poker e portano a casa i tre punti della vittoria con qualche difficoltà, soprattutto nel primo tempo. Non è stato semplice, per i rossoneri, giocare sul rettangolo di gioco del Difesa Grande che è in erba naturale ma molto sconnesso e pesante per chi è abituato sul sintetico.

Ci pensa Michele Guglielmi, al 14°, a sbloccare il risultato scaraventando in rete la palla da una mischia in area. La partita continua tranquilla così fino alla fine del primo tempo.

Nella ripresa, al secondo minuto di gioco, il portiere della Kalena, Pietro Saviano, esce dalla sua area per anticipare l’avversario e tocca con le mani il pallone. Per l’arbitro non c’è dubbio: è cartellino rosso e punizione. Mister Anzivino è costretto a fare una sostituzione e fa così il suo esordio in questo campionato il giovanissimo Francesco Salvatore, secondo portiere. I termolesi approfittano della superiorità numerica e si affacciano più spesso nella metà campo avversaria mettendo in difficoltà la difesa kalendina. Sulla loro strada, però, trovano il giovanissimo portiere, appena entrato, che blocca con maestria ed un pizzico di fortuna tutti i tiri in porta.

La Kalena subisce un po’ ma non si lascia intimidire. Al 69°, il signor Pazienza tira fuori per la seconda volta il cartellino rosso, questa volta per un calciatore del Termoli e i giocatori tornano in parità. La Kalena può spingere sull’acceleratore e si fa più spesso pericolosa nella metà campo avversaria. All’82° ci pensa Dario Rettino, con un rasoterra dall’area di rigore, a insaccare il pallone nell’angolino della porta spiazzando il portiere e portando il risultato sullo 0 a 2.

Gli ultimi dieci minuti di gioco sono decisamente un assedio della Kalena nella trequarti avversaria. Gli ospiti sono galvanizzati e così Cristian Frenza, all’87°, segna un gol identico a quello del compagno Rettino con un potente destro dall’area di rigore. Tre minuti dopo, Frenza, da centro campo, lancia Guglielmi che, prende la palla, corre, arriva davanti al portiere e realizza la sua doppietta. Trascorsi i minuti di recupero, all’arbitro non resta che fischiare la fine delle ostilità e mandare tutti negli spogliatoi. 4 a 0 per la Polisportiva Kalena e ancora una sconfitta per il Difesa Grande.

Una bella partita – dichiara Maurizio Anzivino allenatore della Kalena – senza dubbio Francesco Salvatore, entrato a sostituire il portiere espulso, è stato il giocatore decisivo del match che ha impedito al Termoli di pareggiare e passare in vantaggio quando eravamo in inferiorità numerica. Poi in parità abbiamo ripreso i nostri ritmi e siamo tornati all’attacco realizzando altre tre reti. Sono stati momenti di alta tensione, ma i ragazzi non hanno perso la testa e la concentrazione per fortuna. Hanno dimostrato, ancora una volta, di essere una vera squadra e hanno giocato con il sentimento. Con una partita da recuperare, saliamo a quota 31 nella classifica generale a 1 punto dai playoff che, credo, siano decisamente alla nostra portata. Faccio un grande in bocca al lupo al nostro difensore Luigi Salvatore che oggi si è infortunato in campo e dovrà subire un intervento per la rottura del naso.”

Prossimo appuntamento per la Kalena in Campionato, sarà domenica 31 marzo, in casa, contro il Guardialfiera.

rubriche

About Redazione

Redazione
redazione@notiziemolise.it

Potrebbe interessarti anche:

Basket/A2: Magnolia, una “rottura prolungata” alla vigilia di Pasqua in Toscana

Una gara che, per alcuni dettagli, ha ricordato qualche trasferta della scorsa stagione. La Molisana …

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: