Home / Temi / Attualità / Giorno della memoria, a Macchia d’Isernia per non dimenticare
Pubblicità-NotizieMolise

Giorno della memoria, a Macchia d’Isernia per non dimenticare

Nella giornata di ieri, giovedì 24 gennaio, presso la Sala Consiliare del Comune di Macchia d’Isernia, in occasione della prossima ricorrenza del 27 gennaio, si è svolta la celebrazione del giorno della memoria, istituito in ricordo della persecuzione e dello sterminio del popolo ebraico, nonché dei deportati militari e politici italiani nei campi nazisti.

La cerimonia, organizzata dal Comune di Macchia d’Isernia con la collaborazione della Prefettura, si è svolta alla presenza delle autorità locali di pubblica sicurezza e degli alunni della scuola primaria del territorio.

macchia-diserniaI presenti e, in particolare, gli studenti hanno letto elaborate e sentite considerazioni, sull’atrocità dell’olocausto e delle violenze inflitte al popolo ebraico. Particolarmente toccante la storia, raccontata dai bambini delle scolaresche presenti, delle sorelle Andra e Tatiana Bucci, sopravvissute al campo di sterminio di Auschwitz-Birkenau, dove all’età di 4 anni furono internate il 4 aprile 1944.

Il Prefetto di Isernia, dr.ssa Cinzia Guercio, con il suo intervento si è rivolto soprattutto ai giovani presenti, per tener viva la memoria sulla ricostruzione degli accadimenti storici affinché le esperienze riportate, custodite e tramandate, possano rafforzare le coscienze ed i valori costituzionali, per evitare che si possano ripetere le tragedie del passato.

Nel corso delle celebrazioni, il Prefetto, insieme al Sindaco di Macchia d’Isernia, Mario Stasi, ha consegnato la medaglia d’onore concessa, con decreto del Presidente della Repubblica, alla memoria di un cittadino di questa provincia, Renzi Michele, militare, classe 1917, deportato in Germania in data 9.9.1943 e prigioniero in un campo di lavoro nazista fino al 14.4.1945.

Il Prefetto, nel consegnare la medaglia al figlio del Sig. Renzi, originario di Monteroduni e residente a Macchia, ha sottolineato l’importanza della memoria quale valore e dovere verso chi, pagando di persona, contribuì ad un mondo migliore. Momenti di riflessione, baluardi contro possibili future tragedie, contributo alla crescita morale della coscienza orientata ai valori del bene, del giusto, del rispetto di tutti.

rubriche

About Redazione

Redazione
redazione@notiziemolise.it

Potrebbe interessarti anche:

Trovati in possesso di un documento d’identità falso, un arresto e una denuncia

I militari del Nucleo Operativo e Radiomobile di Bojano, in collaborazione con personale della Stazione …

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: