Home / Molise / Alto molise / Atti vandalici contro i centri migranti, Di Lucente: “Controllare l’assegnazione degli appalti alle cooperative”
Pubblicità-NotizieMolise

Atti vandalici contro i centri migranti, Di Lucente: “Controllare l’assegnazione degli appalti alle cooperative”

“Quello che sta succedendo in Altissimo Molise è di una gravità inaudita. Ma soprattutto solleva dubbi fortissimi sulla gestione dell’accoglienza, su chi c’è realmente dietro le cooperative e su chi controlla” è il duro attacco del consigliere regionale Andrea Di Lucente dopo l’episodio avvenuto a Belmonte del Sannio la scorsa notte.

“Se il primo atto vandalico nei confronti di un immobile che avrebbe ospitato di lì a poco alcuni extracomunitari poteva essere un caso isolato, adesso tre indizi fanno una prova, visto che in ballo c’è sempre la stessa cooperativa – prosegue Di Lucente -. Tutti hanno additato i cittadini di Pescolanciano come razzisti, ma sono stati i primi ad accorgersi che sta succedendo qualcosa di strano in Alto Molise e che bisogna vederci chiaro. Per questo motivo lunedì avrò un incontro in prefettura a Isernia: voglio chiedere risposte, le stesse che ci domandano anche tutti i residenti dell’area pentra. Dopo le intimidazioni nei confronti del sindaco di Agnone (che aveva preso posizione sulla questione migranti nella sua cittadina) e dopo l’atto vandalico a Belmonte del Sannio, non si tratta più di semplice razzismo, ma di un problema più serio. A questo punto parlare di coincidenze non è più possibile. Anzi. Si intravede una regia occulta dietro l’escalation di violenza che è del tutto estranea alle nostre zone. Non si è mai sentito parlare di incendi dolosi, di intimidazioni, di calunnie pur di ricattare personaggi politici. Sorgono sempre più sospetti: che dietro ci sia la longa manus della criminalità organizzata? E allora che cosa si può fare?”.

Nell’incontro con i rappresentanti di governo, Di Lucente ha intenzione di presentare anche una richiesta di accesso agli atti. “Voglio capire – ha proseguito – quali sono i criteri di scelta delle cooperative: come sono stati pensati e poi portati avanti i bandi? Chi deve controllare? Nel caso di Pescolanciano è venuto fuori che l’immobile prescelto non era a norma, tanto che la prefettura è stata costretta a bloccare tutto. Allora perché non ci si è resi conto prima dei problemi? Queste sono le domande che porrò in prefettura lunedì nell’incontro che ho richiesto urgentemente”.

rubriche

About Redazione

Redazione
redazione@notiziemolise.it

Potrebbe interessarti anche:

polizia

Violenta lite familiare in centro a Campobasso, denunciato giovane per minaccia aggravata

Soltanto il tempestivo intervento degli uomini in divisa della Questura di Campobasso ha evitato che …

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: