Home / Rubriche / Curiosità / Maxi esercitazione interforze presso il lago di Castel San Vincenzo (FOTO)

Maxi esercitazione interforze presso il lago di Castel San Vincenzo (FOTO)

Si è svolta nella giornata di ieri, martedì 12 giugno, dalle ore 8.00 alle 18.00, una esercitazione interforze e interregionale, presso il lago di Castel San Vincenzo (IS). L’attività addestrativa ha coinvolto i Vigili del Fuoco del Comando provinciale di a cui si sono aggregati il Nucleo del Soccorso Alpino della Guardia di Finanza di Roccaraso (AQ), il Nucleo Cinofilo della Guardia di Finanza de L’Aquila, il Nucleo Cinofilo della Direzione regionale Vigili del Fuoco del Molise ed un equipaggio nautico del Comando provinciale Vigili del Fuoco di Campobasso.

L’esercitazione ha simulato la ricerca di due pescatori scomparsi lungo la riva del lago di Castel San Vincenzo. Non vedendoli rientrare le rispettive famiglie hanno dato l’allarme alla Sala operativa 115.

Immediato l’invio di una squadra VVF che ha individuato il punto ove stazionavano i pescatori, ritrovando i rispettivi cellulari e le canne da pesca, ma dei due nessuna traccia. La squadra VF, dopo aver comunicato il ritrovamento solo degli oggetti, ha attivato la procedura per la ricerca delle persone scomparse, per la sola componente VF, e sul posto si è portata una Unità di Coordinamento Locale (specifico mezzo in dotazione ai Vigili del Fuoco), che a sua volta ha attivato le ulteriori risorse disponibili da parte del Comando, ovvero: il Nucleo SAF (Speleo Alpino Fluviale), gli esperti della Topografia Applicata al Soccorso (TAS), gli esperti in Tecniche di Primo Soccorso Sanitario (TPS) e la componente Nautica.

In breve tempo erano presenti sul campo varie squadre per complessive 40 unità Vigili del Fuoco, 7 unità della Guardia di Finanza e 15 mezzi di varia tipologia, compresi 3 mezzi nautici. Dopo aver pianificato le ricerche le squadre hanno perlustrato il territorio e dopo due ore sono stati ritrovati i dispersi da parte di due squadre. Un pescatore è stato ritrovato su un albero, vicino al lago, in un terreno impervio. L’altro pescatore, allontanatosi in direzione opposta al lago, è stato ritrovato ferito in un dirupo poco lontano e, successivamente, è stato portato in salvo tramite una barella portantina, cioè un particolare presidio su cui il ferito viene immobilizzato e portato in area sicura per la consegna al personale Sanitario.

Presso l’Unità di Coordinamento dei Soccorsi è stato presente il Direttore Tecnico dei Soccorsi, vice Comandante, Luca Zotti che ha curato tutte le comunicazioni istituzionali e il coordinamento delle manovre.

Al termine delle operazioni il Comandante provinciale dei Vigili del Fuoco si è congratulato con il personale per la perfetta riuscita dell’’esercitazione che ha rappresentato un momento di crescita professionale e formativa per tutte le componenti intervenute.

rubriche

About Redazione

Redazione
redazione@notiziemolise.it

Potrebbe interessarti anche:

Pietracupa e il Museo della Rupe, una mostra permanente da non perdere

“Il sonno della ragione genera mostri” (Francisco Goya) Le suggestive cavità rupestri nella Morgia di …