Home / Molise / Basso Molise / Zuccherificio, il Comitato degli ex lavoratori contro la Regione “Solo vane promesse”
Pubblicità-NotizieMolise

Zuccherificio, il Comitato degli ex lavoratori contro la Regione “Solo vane promesse”

La lunga storia dello Zuccherificio del Molise continua, anche dopo la chiusura avvenuta nel dicembre 2016. Ad affermarlo in una nota stampa diffusa nella giornata odierna il Comitato ex lavoratori Zuccherificio del Molise.

zuccherificio“La fase finale è cominciata nel novembre del 2014, data la difficile situazione del settore, la dirigenza, sotto forti spinte politiche perché in quel momento l’azienda era controllata al 100% dalla Regione Molise, decide di mettere in cassa integrazione, per “sole 13 settimane”, il personale. Però la realtà è ben diversa, malgrado le rassicurazioni dei politici, nei successivi anni i mesi di lavoro sono stati pochi, la ripresa, più volte ventilata alle maestranze, è stata solo un miraggio, si arriva a dicembre 2016. Dopo alterne vicende e trattative sterili condotte a tutti i livelli regionali e nazionali, la fabbrica chiude e i rimanenti “69” dipendenti vengono messi in mobilità.

Lo Zuccherificio – spiega il Comitato – ha sempre occupato centinaia di lavoratori perché, oltre i dipendenti fissi, si deve contare il personale stagionale, le ditte esterne, gli autotrasportatori, l’indotto e tutto il mondo agricolo, i posti di lavoro persi per sempre, sono centinaia. Dopo essere stati cacciati dal loro posto di lavoro, continua la serie di promesse, sempre non mantenute, che interessano gli ex dipendenti; in questi ultimi mesi abbiamo sentito una serie continua di eventualità ricollocative che erano praticamente dietro l’angolo. Meccanica pesante, polo logistico, centro scientifico, chimica verde, punto di raccolta agricolo, iraniani, cinesi, addirittura riapertura del Carrefour etc. A queste si sono aggiunte le ‘opportunità’ offerte dalla Regione Molise con i suoi bandi per favorire le assunzioni: tirocini formativi, bonus assunzioni, autoimpiego, corsi formativi e attività presso i Comuni. Ma, finora, nulla di concreto, solo le solite chiacchiere fino alla più grossa, la voce, per ora solo sussurrata e non confermata, di un qualcosa di molto grosso, la possibilità di riapertura dell’impianto.

Questa invece è la realtà – continua il Comitato:

Procede, anche se lentamente, la demolizione degli impianti. La massa degli ex dipendenti è in mobilità, il primo gruppo di essi la terminerà tra quattro mesi, mentre gli altri la finiranno a dicembre e dopo si ritroveranno tutti in mezzo ad una strada. Per la Regione è stato abbastanza facile chiudere una fabbrica partecipata, senza offrire nessuna alternativa concreta a chi ci lavora. In più – chiosa il Comitato – in quest’ultimo anno e mezzo sono state fatte solo promesse vane che hanno illuso tutti. Grazie di tutto ciò!”

rubriche

About Redazione

Redazione
redazione@notiziemolise.it

Potrebbe interessarti anche:

HACKER DI BICICLETTE

Sembra che in questi giorni sia venuta fuori pubblicamente una foto del pc di Mark …

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: